La teoria del dispetto (il calcio ridotto a una cosa triste)

Un telecronista tifoso perde la testa alla fine di Sassuolo - Napoli. La sua teoria è che il Sassuolo abbia giocato alla morte per favorire la Juventus e non per onorare il campionato, che i calciatori del Sassuolo siano in malafede perché mossi da un'oscura forza bianconera, manovrati da un padrone occulto. Il portiere della Juventus e … Leggi tutto La teoria del dispetto (il calcio ridotto a una cosa triste)

Per amor del cielo, riscattate Cancelo! (O anche di come evitare l’irrilevanza facendo la cosa giusta)

Lo pensavano in tanti, ora lo scrivono tutti. Accolto come un oggetto misterioso, ignorato fino a dicembre e poi esploso come in pochi si sarebbero aspettati, tanto da costringere l'Inter a cercare di chiudere alla svelta la vicenda del riscatto. Joao Cancelo è il presente e il futuro dell'Inter. Sarebbe. 35 milioni di euro per … Leggi tutto Per amor del cielo, riscattate Cancelo! (O anche di come evitare l’irrilevanza facendo la cosa giusta)

A che ora è la fine del mondo? (Fare 1 punto meritandone 6, il teorema dell’anticulo spallettiano)

Partiamo dalla fine. Non dalla stretta di mano rabbiosa e ironica di Spalletti a Mazzarri, quella che suggella una partita surreale in cui l'Inter ha fatto tutto (compresa l'azione del gol granata), ma dai commenti di alcuni nostri lettori al risultato. Da: "Spalletti dimettiti", a: "Spalletti sei un incapace, dovevi mettere Karamoh molto prima, dovevi … Leggi tutto A che ora è la fine del mondo? (Fare 1 punto meritandone 6, il teorema dell’anticulo spallettiano)

Ciò che Mauro dà, Mauro toglie (il giorno che il Capitano si smarrì nell’area piccola, le pagelle di Milan – Inter)

La neuropsichiatria infantile avrà delle spiegazioni per serate come questa, deve esserci un motivo per il contagio nervoso che ha trasformato i miei piccoli figlioli in due molle impazzite. Forse è colpa mia, della tensione per un derby molto importante e della scelta di dissimularla pensando di riuscirci per davvero. Così mentre sedevo apparentemente serafico … Leggi tutto Ciò che Mauro dà, Mauro toglie (il giorno che il Capitano si smarrì nell’area piccola, le pagelle di Milan – Inter)

Black Sabbathini (a che ora è la fine del mondo?)

Alle solite, è tutta una questione di comunicazione. Chi dice cose, chi sa cosa dire e chi ascolta nel modo giusto. Sabatini se ne va e parla dell'Inter, anzi non se ne va ma parla dell'Inter lasciando intendere che le cose potevano andare molto ma molto meglio, anzi se ne va. Tragedia, pessimismo, catastrofe, fine … Leggi tutto Black Sabbathini (a che ora è la fine del mondo?)

La follia di Brozovic, il peggiore dei migliori, il migliore dei peggiori (Inter – Napoli in 10 punti)

Gettiamo la maschera. Dovremmo parlare del pareggio di stasera, della sensazione confortante dopo il Novantesimo, delle nuove speranze, di una squadra che ha provato a giocare a calcio. Ma niente, non riusciamo. Il fatto è che siamo estasiati dalla completa follia di Marcelo Brozovic, che ha dominato la sua zona e corso per mille, faticato … Leggi tutto La follia di Brozovic, il peggiore dei migliori, il migliore dei peggiori (Inter – Napoli in 10 punti)

Le mie 110 parole nerazzurre (qualcuna di più, a dire il vero).

Bellezza, orgoglio, dignità, lotta, contropiede, difesa, amore, follia, estasi, disperazione, bauscia, vittoria, azzurro, Cipe, nero, Milano, magia, catenaccio, cori, Curva Nord, poesia, Peppino, gabbia, Madrid, foglia morta, Taca la bala, Spillo, carattere, rimonta, viaggio, Cholo, trasferta, famiglia, tradizione, Luisito, maggio, 22, Walter, cugini, Argentina, Muro, festa, autoironia, Elio, Prostituzione Intellettuale, 23, determinazione, Luisito, eleganza, Lothar, … Leggi tutto Le mie 110 parole nerazzurre (qualcuna di più, a dire il vero).

Un gioco da ragazzi (addio Davide, grazie di ogni minuto felice)

Ci siamo fermati. Abbiamo pensato fosse più normale che non doveroso. Normale perché se questo è un gioco, se è uno spazio che dedichiamo a cose leggere che fingiamo essere terribilmente importanti, quando capitano cose che invece sono terribili e definitive è inutile forzare la mano e andare avanti. Bisogna fermarsi. In molti si sono … Leggi tutto Un gioco da ragazzi (addio Davide, grazie di ogni minuto felice)

Elogio del Muro che unisce (Milan Skriniar, leader morale)

di Federico Corona Piano con la storia che mancano personalità, leader, Uomini. Arrivati a questo punto abbiamo elementi a sufficienza per sostenere che uno, almeno uno ci sia. Forse si fa più fatica a evocarlo per via di quel nome così impronunciabile, che spezza in gola incitamenti ed esultanze. Ma c'è, e sta facendo di … Leggi tutto Elogio del Muro che unisce (Milan Skriniar, leader morale)

Il giorno che finalmente Andrea Ranocchia baciò se stesso e si liberò della storia del Principe (riscatto, timidezza e tenacia)

di Enzo Sara Diamo ad Andrea quel che è di Andrea. Da bersaglio dei fischi in stagioni opache a destinatario di meritati applausi per la capacità di rispondere sul campo, dopo un lavoro fatto di silenzio e umiltà. Da parente povero e sgradito, quasi "separato in casa", a re per una notte. Da una sorta … Leggi tutto Il giorno che finalmente Andrea Ranocchia baciò se stesso e si liberò della storia del Principe (riscatto, timidezza e tenacia)