E’ tuo, Luciano: questo derby è tuo

La storia la scrive chi vince. E questo capitolo lo ha scritto il mister. Firma autografa, edizione di prestigio. Questo derby è tuo, Luciano: con Vecino gli hai messo una spina nel fianco, con Lautarlo li hai tramortiti, ad ogni mossa di Gattuso hai risposto come Kasparov su una scacchiera. Nel momento peggiore, la prestazione... Continue Reading →

nàu·ṣe·a

Nausea (nàu·ṣe·a): "nell'esistenzialismo, la persistente istintiva reazione dell'individuo di fronte all'insuperabile disagio provocato dall'estraneità e dall'assurdità del mondo", dice Google. La Treccani aggiunge che ci si può aggiungere un fattore di "ripugnanza sotto l'aspetto morale". Noi, qui, potremmo aggiungere dell'altro. La settimana è passata come sappiamo, guardando altre squadre sbattersi reciprocamente in faccia gli "huevos"... Continue Reading →

E ora inizia un nuovo campionato

Verrebbe da dire che dopo l'ennesima settimana sui social e 90 minuti sul campo sia inutile piangere sul latte versato, ma siamo a Cagliari e la battuta sarebbe irrispettosa e fuori luogo. Verrebbe da dire che ora è tutto perduto, ma ben sappiamo che non è così poiché tutto può ancora accadere. Verrebbe da dire... Continue Reading →

Perché il Tardini è il Tardini

Che la giornata non sarebbe stata normale l’avevo capito fin dal pomeriggio, quando in treno ero a pochi sedili da Pardo: lui avrebbe commentato, io lo avrei ascoltato, e che questa partita sarebbe stata un treno da non perdere si rendeva palese chilometro dopo chilometro. Poi arriva la finale del Festival di Sanremo, ma anche... Continue Reading →

La semifinale non c’è

HandanovicC'è, ovunque, di mano o di ginocchio, in sicurezza o con un miracolo, impeccabile, puntuale. Nella serata in cui in troppi non ci sono lui c'è, c'è tantissimo. Ed avrebbe tutto il diritto di portare la mano all'orecchio per invocare una meritata ovazione. Avete notato quante volte è stato battuto dopo una deviazione di un... Continue Reading →

Empoli – Inter, dove servivano risposte

Servivano risposte. Non era solo una partita di fine anno contro l'Empoli, no: ci arrivavamo dopo un mese del tutto particolare, dopo situazioni del tutto anomale, al termine di un percorso pieno di insidie (nelle quali abbiamo inciampato proprio nei momenti sbagliati). Siamo caduti, dovevamo rialzarci. Eravamo disorientati, dovevamo ritrovarci. Servivano risposte e sono arrivate.... Continue Reading →