Calma. Calma. Calma. Però riflettiamo.

Mentre su Sky passano immagini di una ipotetica sfida tra Dybala e Kulusevsky nel posticipo di questa sera, noi ci lecchiamo le ferite allontanando il pensiero dei corsi e ricorsi storici. Tipo quella volta in cui la Juventus pareggiò a Lecce e l'Inter non riuscì a battere il Parma a San Siro. Esatto, quella volta... Continue Reading →

La strada di Antonio

Conte non è e non è stato chiamato a vincere la Champions. È chiamato a riequilibrare i valori in Italia, a farci stare incollati alla sedia fino all'ultima giornata di campionato, a prescindere da come andrà a finire. Poi verrà il bello. Perché sarà lì che Antonio potrà fare il salto definitivo insieme alla società e alla squadra (che nel frattempo sarà cambiata), sopratutto se farà tesoro della prossima Europa League.

I nuovi mostri

Avevamo un grande attaccante, di cui eravamo prigionieri (perchè per sei stagioni abbiamo avuto un unico schema: diamogli la palla, magari qualcosa succede). Adesso abbiamo due grandi attaccanti, che ci hanno liberati. Due attaccanti che giocano insieme (insieme!), dall'inizio (dall'inizio!), dialogano, si cercano, lavorano e si sbattono per sè ma anche per l'altro, segnano, si... Continue Reading →

Se questo è Antonio

Due mesi e mezzo di stagione, 9 vittorie su 11 in campionato (e secondo posto un punto dietro la Juve), più fuori che dentro in un girone di ferro in Champions dove hai giocato due primi tempi meravigliosi in due stadi da paura – roba che non vedevi da anni e anni – epperò metti... Continue Reading →

Conte uno di noi (nonostante noi)

Una sorta di riflesso pavloviano, a distanza ormai di mesi dal loro arrivo, continua a farmi mettere mano al telecomando ogni volta che in video appaiono Conte e (ancora di più) Marotta. “Ehi, chi ha cambiato canale? Stavo guardando l’Inter!”, dico dal divano. Quando realizzo – mi ci vogliono un paio di secondi – che... Continue Reading →

Cosa vuoi di più dalla vita? Un Lukaku!

L’Inter accontenta il suo allenatore con l’acquisto di Romeru Lukaku, l’attaccante fortemente voluto da Antonio Conte, al termine di una estenuante trattativa col Manchester United. Oggetto dei desideri di Paratici e Marotta, il belga alla fine trova casa a Milano, sponda nerazzurra. Che tipo di giocatore è arrivato ad Appiano Gentile e perché Conte lo... Continue Reading →

Sprazzi di Conte a Lugano

L’Inter di Conte comincia la stagione con un 2-1 ai danni del Lugano, squadra allenata dall'ottimo Fabio Celestini e quasi pronta per l'inizio del campionato svizzero. È ancora presto, ovviamente, per delle conclusioni: oltre al fatto di essere ancora a luglio, i nerazzurri erano privi di alcuni giocatori importanti della rosa (Godin, Barella, Lautaro) e... Continue Reading →