Samir Handanovic nella cultura popolare

Gli interisti, distratti da dicerie invidiose ("avete un culo a capanna") e da risultati esorbitanti ("con Nagatomo titolare state facendo più punti di Mourinho"), continuano a non rendersi del tutto conto della straordinarietà del momento che stanno vivendo, invece di goderselo a nastro come un lavoratore stagionale che fa 5+1 al Superenalotto. Per dire: il... Continue Reading →

Che ci ha detto Napoli – Inter

L’Inter torna dall’insidiosa trasferta del San Paolo con un punto prezioso e qualche certezza in più. La partita si sviluppa secondo un canovaccio ampiamente previsto: il Napoli attacca mentre i Nerazzurri si coprono puntando sul contropiede. I due sistemi di gioco, 4-3-3 del Napoli e 4-2-3-1 dell’Inter, si incastrano perfettamente. A centrocampo, i due triangoli... Continue Reading →

Skriniar dove il gioco non c’è

Grazie a Milan Skriniar e Samir Handanovic l’Inter esce con tre punti dalla difficile trasferta all’Ezio Scida di Crotone. Il caldo ed il terreno di gioco (lento) non aiutano la squadra di Luciano Spalletti che nel primo tempo controlla la partita (73% di possesso palla nei primi 45 minuti di gioco) ma non riesce praticamente... Continue Reading →

Voi e i vostri fottuti occhi da cerbiatto

Il tifoso da curva non sa più come insultare, il tifosotto non sa più cosa dire e il blogghe non sa più cosa scrivere. Quello dell'Inter è il primo caso di encefalogramma piatto contagioso, come se la mancanza di reazioni vitali si propagasse tra consanguinei come una varicella. E' una stagione così, bizzarramente disastrosa, dove... Continue Reading →

Memorabilia #3 – Non mi togliere

Quando vinci, scegliere il gesto (il momento, il punto di svolta) simbolo della partita è più facile. Ripensando a Pescara, sarebbe scontato esaltare la splendida torsione di Icardi per il gol del pari (che se non avesse trascorso un'estate da Wando e si chiamasse Hicardin o Icardowski, forse qualche titolo in più l'avrebbe guadagnato). Oppure,... Continue Reading →

Cose che non racconteremo ai nostri nipoti (le pagelle di Inter – Palermo)

Kondogbia - Per Kondogbia vale la regola di Sara Tommasi. Lo guardi e pensi che non gli mancherebbe niente. Ha il fisico, il passo e la potenza. Per questo non capisci come possa ridursi a girare porno amatoriali con i camionisti invece che recitare con Kevin Spacey. Ma non c'è risposta. Kondogbia è un macello, c'è di buono che non ha ancora incominciato a farsi fotografare nudo per combattere l'usura bancaria - voto 4

La fine del patronimico -ić e le fasce intasate (probabili formazioni di Inter – Palermo)

Con la più che probabile partenza di Brozović e Jovetić si chiude la stagione dell'estro slavo e la colonia dei patronimici si assottiglia e riduce al numero di due, Handanović e Perišić. Domani potrebbe essere l'ultima dei partenti, sempre che siano convocati e non ci regalino l'estremo capriccio. Nessuno dei due dovrebbe giocare dall'inizio, li saluteremo... Continue Reading →