Memorabilia #2 – Il Supermario bianco

Di quelle due magiche annate in cui Mourinho appoggiò il culo sulla nostra panca rendendo tutti noi uomini più felici, oltre ai trofei e agli orgasmi multipli restano storie che oggi - a sei, sette anni di distanza - possono apparire solo verosimili, se non addirittura leggendarie. In una parola: incredibili. Tipo che insieme agli... Continue Reading →

Cozza Inda

Si possono affermare, più o meno serenamente, due cose altrettanto vere: 1) questa squadra e il suo allenatore hanno bisogno di tempo, probabilmente molto; 2) pur con tutta la pazienza di questo mondo, non si può non vincere con questo Palermo, no, no e poi no. Quindi, dopo essersi contraddetti nel breve volgere di due... Continue Reading →

L’istantanea (Medel e i Mulini a vento)

Nei minuti finali l'Inter ha avuto parecchi calci da fermo a favore. Calci d'angolo, punizioni dalla trequarti, buone occasioni di muovere la palla senza dover mettere in mostra la più micragnosa manovra di sempre. Su una delle palle più interessanti la squadra ha cercato il tutti-dentro, con Banega che temporeggiava per permettere ai centrali di... Continue Reading →

La fine del patronimico -ić e le fasce intasate (probabili formazioni di Inter – Palermo)

Con la più che probabile partenza di Brozović e Jovetić si chiude la stagione dell'estro slavo e la colonia dei patronimici si assottiglia e riduce al numero di due, Handanović e Perišić. Domani potrebbe essere l'ultima dei partenti, sempre che siano convocati e non ci regalino l'estremo capriccio. Nessuno dei due dovrebbe giocare dall'inizio, li saluteremo... Continue Reading →