Cinquant’anni e (non) sentirli

Domani alle 12.30 si gioca Inter - SPAL, il ritorno a San Siro degli estensi, una partita attesa cinquant'anni. Per trovare l'ultima volta in cui la squadra di Ferrara era salita al Meazza per giocare contro l'Inter bisogna tornare al 26 novembre 1967, nona d'andata del campionato 1967/68 che per la SPAL fu l'ultimo disputato … Leggi tutto Cinquant’anni e (non) sentirli

La notte in cui Adriano fece tremare il Bernabeu

Di Vincenzo Renzulli   Nella favela di Vila Cruzeiro, periferia nord di Rio, c'è un uomo che contempla un boccale di birra mezzo vuoto. Oggi beve poco, ma per anni l'alcol ha accompagnato la sua vita e l'ha fatta a pezzi. Tutti lo conoscono perché qualche anno prima era il centravanti del Brasile e dell'Inter, il … Leggi tutto La notte in cui Adriano fece tremare il Bernabeu

Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo. Ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli.

“la prima cosa che mi dà un grande fastidio è sentir dire che nel calcio non si può più inventare nulla.” Corrado Orrico Ogni rivoluzione, si sa, porta con sé una controrivoluzione, una restaurazione…un tentativo, insomma, di riportare indietro le lancette del tempo. Ma prima che il vento rivoluzionario cominci a soffiare in senso contrario … Leggi tutto Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo. Ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli.

Marco Materazzi, per sempre lassù (9 luglio 2006 o anche breve storia dell’uomo del destino)

Stare in aria per un’eternità. Uno dei luoghi comuni più abusati da chi scrive di sport riguarda lo stacco, il tempo brevissimo eppure dilatato dall’attesa per l’impatto, l’attimo in cui la traiettoria della palla incrocerà la fronte, la tempia o la nuca di chi si arrampicato lassù. Fino alla sera in cui Marco Materazzi volò … Leggi tutto Marco Materazzi, per sempre lassù (9 luglio 2006 o anche breve storia dell’uomo del destino)

Il 5 maggio e la poiesis nerazzurra

A pensarci bene, la cosa incredibile è che sono passati 15 anni. Cioè, 15 anni, ti rendi conto? Sarei dovuto diventare più saggio nel frattempo, e invece eccomi qui, ad inveire per un intervento infelice di Nagatomo che spiana la strada al Napoli. Ognuno ha il suo 5 maggio, anche se lo chiama in maniera … Leggi tutto Il 5 maggio e la poiesis nerazzurra

Su quel muro c’eravamo tutti

di Marco Napoletano Eravamo tutti lì. Appoggiati a quel muro con Marco. Fuori dal pullman. Da soli. Forse volevamo restare soli e non avremmo voluto incontrare nessuno. E invece no. Sei arrivato tu José. Ci hai visto lì soli appoggiati a quel muro sofferenti e invece di scappare sei venuto ad abbracciarci. A dirci qualcosa … Leggi tutto Su quel muro c’eravamo tutti

Vent’anni fa è una frase a colori

I colori non rendono giustizia al tempo che passa. I nostri genitori, quando parlavano di "20 anni fa", si riferivano ad immagini in bianco e nero. Stamattina invece, mi sono svegliato in un'epoca nella quale "20 anni fa" è una frase a colori. Cambiano solo i protagonisti, ma persino lo sponsor è lo stesso. Nel … Leggi tutto Vent’anni fa è una frase a colori

Essere Giuseppe Prisco (quanto ci manchi Peppino, quanto ci manchi)

Tutta una vita in due giorni, 80 anni condensati in due anniversari ravvicinati. 10 e 12 dicembre, nascita e morte di un uomo sottile, complesso e molto intelligente che ha vissuto intensamente se mai ha avuto un senso l’avverbio. Peppino Prisco ha respirato l’Inter più a lungo di chiunque altro, il suo rapporto con la … Leggi tutto Essere Giuseppe Prisco (quanto ci manchi Peppino, quanto ci manchi)

Bedankt Voor Alles, Wes (Grazie di tutto, Wes)

di Hendrik_van_der_ Decken Arrivai in Olanda, per restarci, alla fine di agosto del 2008. Nel periodo di ambientamento, come sempre e per chiunque il più duro e difficile, il calcio e l'Inter mi hanno aiutato tantissimo. Mi hanno aiutato ad avere qualcosa cui pensare e del quale tenere conto nel calendario altrimenti interminabile di serate … Leggi tutto Bedankt Voor Alles, Wes (Grazie di tutto, Wes)