Koulibaly, l’uomo che incasinò le cose

Non so se qualcuno si sia davvero accorto dell'evento di domenica pomeriggio: Inter e Lazio (la Roma no, è chiedere troppo: aveva giocato - e vinto, dannazione - il giorno prima) hanno disputato la loro partita in contemporanea. E' stato un brivido durato giusto una mezz'ora: il tempo che la Lazio all'Olimpico sistemasse le cose … Leggi tutto Koulibaly, l’uomo che incasinò le cose

Uno, cento, mille Rafinha. Chievo-Inter prima dell’aperitivo

Che cosa resta di Chievo-Inter? Due sensazioni. La prima: sembra che stiamo arrivando a fine campionato con la lingua di fuori come un husky sotto l’ombrellone (gesti apotropaici per tutti). La seconda, forse legata a doppio filo con la prima: che se abbassiamo ritmo e intensità andiamo in difficoltà nel gestire la partita, fosse anche … Leggi tutto Uno, cento, mille Rafinha. Chievo-Inter prima dell’aperitivo

Cinque “sensibili” sì e cinque “insensibili” no. Anche con il Cagliari

Per voi cinici, che avete una discarica a cielo aperto al posto dell’organo muscolare cavo,  per voi, che marcite nelle vostra insensibilità, eccezionalmente daremo lustro a un vecchio format di questo blog: cinque cose sì e cinque cose no. Cinque cose sì. Icardi. Lo si mette al primo posto perché ha condensato in questa gara … Leggi tutto Cinque “sensibili” sì e cinque “insensibili” no. Anche con il Cagliari

La teoria del dispetto (il calcio ridotto a una cosa triste)

Un telecronista tifoso perde la testa alla fine di Sassuolo - Napoli. La sua teoria è che il Sassuolo abbia giocato alla morte per favorire la Juventus e non per onorare il campionato, che i calciatori del Sassuolo siano in malafede perché mossi da un'oscura forza bianconera, manovrati da un padrone occulto. Il portiere della Juventus e … Leggi tutto La teoria del dispetto (il calcio ridotto a una cosa triste)

Les incompétents: rivedere Jeremie Brechet in Henrique Chagas Estevão detto Dalbert

Jérémie Brechet è uno di quei giocatori di cui persino Google ha poca memoria. Se scrivete il suo nome nella barra di ricerca vi appariranno, nell'ordine: un locale di Milano, un dj di musica techno, un film francese con una trama del cazzo (come spesso accade nei film francesi) e che non parla di un … Leggi tutto Les incompétents: rivedere Jeremie Brechet in Henrique Chagas Estevão detto Dalbert

Per amor del cielo, riscattate Cancelo! (O anche di come evitare l’irrilevanza facendo la cosa giusta)

Lo pensavano in tanti, ora lo scrivono tutti. Accolto come un oggetto misterioso, ignorato fino a dicembre e poi esploso come in pochi si sarebbero aspettati, tanto da costringere l'Inter a cercare di chiudere alla svelta la vicenda del riscatto. Joao Cancelo è il presente e il futuro dell'Inter. Sarebbe. 35 milioni di euro per … Leggi tutto Per amor del cielo, riscattate Cancelo! (O anche di come evitare l’irrilevanza facendo la cosa giusta)

La ruota che (non) gira

Ci contavano i pali, adesso non li contano più. Ci calcolavano il culo, adesso non lo calcolano più. Sono diventati esercizi inutili perchè ormai, a romperci il cazzo, ci pensa da solo il Fato. E mica da oggi. Domenica 11 marzo, ventottesima giornata, mentre noi ci facevamo un paiolo tanto per pareggiare 0-0 in casa … Leggi tutto La ruota che (non) gira

A che ora è la fine del mondo? (Fare 1 punto meritandone 6, il teorema dell’anticulo spallettiano)

Partiamo dalla fine. Non dalla stretta di mano rabbiosa e ironica di Spalletti a Mazzarri, quella che suggella una partita surreale in cui l'Inter ha fatto tutto (compresa l'azione del gol granata), ma dai commenti di alcuni nostri lettori al risultato. Da: "Spalletti dimettiti", a: "Spalletti sei un incapace, dovevi mettere Karamoh molto prima, dovevi … Leggi tutto A che ora è la fine del mondo? (Fare 1 punto meritandone 6, il teorema dell’anticulo spallettiano)

Il nuovo Marcelo

Oltre che certificare il distacco esistente fra Inter e Milan (se non nel risultato almeno sul piano del gioco, in particolare nel secondo tempo) il Derby di Milano ha sottolineato alcune interessanti novità per la squadra nerazzurra. Prima fra tutte la volontà di Spalletti di riproporre un calcio più equilibrato in fase di possesso palla, … Leggi tutto Il nuovo Marcelo

Quel che rimane del derby

di Giacomo Dotta Che boato!! L'avete sentito, vero? Abbiamo esultato tutti mentre Icardi festeggiava e mentre tutto lo stadio indicava Candreva per la genialità profusa in quell'assist. Ci siamo abbracciati, abbiamo sentito il gusto del grande rilancio, braccia aperte e pugni chiusi. Certo il boato è sfumato nella delusione quando è intervenuta la VAR a … Leggi tutto Quel che rimane del derby