Cercasi Cazzimma Disperatamente

Di Enzo Sara - Presidente, a questa squadra manca l'amalgama. - E allora compriamolo. Con chi gioca? È uno dei più vecchi, logori e abusati, aneddoti del calcio italiano. A tal punto che il sottoscritto l'ha sentito attribuire ad almeno tre fra i dirigenti più ruspanti, sanguigni e pittoreschi di un passato nemmeno tanto recente:... Continue Reading →

Vabbe’ dai, la faccio con Coutinho

Dovessi essere invitato dalla Bocconi a tenere una lezione su "Football Management, Long Eye, Human Nature Fail, Fuzzy Technical Lungimirance and Very Very Cool International Market Strategy: la cessione a cazzo di Coutinho alla metà del prezzo di un Saponara", io porterei una sola slide, anzi, una sola foto: questa. Perchè la storia di questa... Continue Reading →

È la legge del mercato, baby

Di Luca Paladini Confesso sul tema Inter la mia situazione di profondo disagio. La stessa della scorsa estate. A me questi viaggi della speranza di Sabatini in Cina a mendicare due soldi per fare un mercato decente mettono una tristezza infinita. Come avere una dirigenza che ha due squadre, e con il tempo da dedicare... Continue Reading →

Non celebrare funerali (istruzioni per l’uso)

Ventotto giorni, sette partite senza vincere. Togliendo le due di Coppa Italia (ormai un capitolo chiuso, non parliamone più), restano le cinque di campionato. Cinque partite, tre punti, due gol segnati, 'na tragedia. Cinque partite che sono l'imprevisto seguito delle 15 precedenti: zero sconfitte, primato in classifica per due giornate, un meraviglioso periodo che adesso... Continue Reading →

Coutinho, proprio quello lì

di Marco Sciandrone Ho letto e riletto la notizia: Coutinho al Barcellona per 160 milioni. Ho pensato: "Sicuramente non sarà il Coutinho di cui si liberò senza alcun problema l'Inter". Ho visto il nome: Philippe. Non era il nome che ricordavo e mi sono tranquillizzato. No, non può essere il "nostro" Coutinho. Sembrava strano che... Continue Reading →