Stare lì e far finta di niente

La juventus perde, il Napoli batte il Milan, la Roma vince il derby. Sono queste le notizie del fine settimana di Seria A appena trascorso. I ragazzi giocano la sera in casa con l'Atalanta, una di quelle partite che quando le guardi da lontano non le segni con la matita rossa, nell'anticamera della tua testa … Leggi tutto Stare lì e far finta di niente

Hai detto Atalanta?

Dai pensiamo al campionato e non caghiamo quella subdola, turgida, cinica lotteria dei rigori. Così cantavano Elio e le storie tese nella sigla di Mai dire Gol del 1994, subito dopo i Mondiali americani. Con uno spirito diverso e molto meno goliardico, ci rituffiamo nell'ex campionato più bello del mondo per dimenticare le disavventure azzurre. Domenica c'è … Leggi tutto Hai detto Atalanta?

Fading Blue (la nostra vita scandita dai Mondiali, la nostra vita senza i Mondiali)

di Hendrik Van Der Decken I primi mondiali che ricordo e di cui ho coscienza sono quelli del 1974. Per chi non era ancora nato,  i mondiali (ancora in bianco e nero), erano l’unica occasione per vedere diffusamente in TV calcio esotico e campioni altrimenti confinati nell’immaginario di pochi minuti di sintesi nei mercoledì di … Leggi tutto Fading Blue (la nostra vita scandita dai Mondiali, la nostra vita senza i Mondiali)

La hybris di Ventura e il cugino di Bonucci

Con il campionato fermo, il pensiero non può che andare alla nazionale e ai Mondiali mai così lontani. Non che la pratica svedese, non sia ribaltabile, tutt'altro. Ma tra due giorni si scende di nuovo in campo, e l'augurio è quello di mettere un attimo da parte le false certezze, perché per andare in Russia … Leggi tutto La hybris di Ventura e il cugino di Bonucci

“Le cose difficili esigono tempo, quelle impossibili ne esigono di più”

Era il 9 novembre 1997. Sono già passati vent’anni dalla sua morte eppure sembra ieri. Per molti, soprattutto ragazzi nati negli settanta e ottanta, era un istrionico commentatore di calcio in trasmissioni apprezzabili come Prove tecniche di trasmissione – nella stagione 1989/90 su RaiTre – o in altre improbabili – L’appello del martedì. In realtà, Helenio Herrera fu … Leggi tutto “Le cose difficili esigono tempo, quelle impossibili ne esigono di più”

Quei 20 minuti di Sturm und Drang (perché mollare no, non si può)

Diciamoci la verità, quel gol di Iago Falque ieri ha attivato pavlovianamente ricordi di partite iniziate bene, di occasioni sbagliate e di punizioni immediate alla prima occasione per gli avversari. Un topos che nelle scorse stagioni era diventato fin troppo ricorrente e che si ripresentava puntuale come le cartelle di Equitalia. Mazzate prese a freddo, con … Leggi tutto Quei 20 minuti di Sturm und Drang (perché mollare no, non si può)

Che faccia faccio? (Amleti interisti nel lunedì di pioggia)

di Luca Paladini Che faccia faccio? Dilemma mica da niente. È che poteva davvero finire male, perché di quanto è uscito il colpo di testa di Obi? E però poteva pure finire meglio, quando ha smesso di tremare la traversa dopo la bordata di Vecino? Non so che vestito mettermi, anche se (finalmente) piove. Quello … Leggi tutto Che faccia faccio? (Amleti interisti nel lunedì di pioggia)

Veltroni e la variante Ciciretti

Partita veltroniana, da ripercorrere senza vergognarsi attraverso una sequela di "ma anche". Magari non benissimo però abbiamo giocato,  sì, ma anche il Toro ha giocato, eccome. Abbiamo rischiato di vincerla, ma avrebbe potuto farlo anche il Toro. L'1-1 va considerato in quest'ottica buonista: girano un po' i coglioni ma poteva andare molto peggio, perchè altre … Leggi tutto Veltroni e la variante Ciciretti

Più tenaci della Xylella, più enigmatici della congettura di Poincaré (Inter-Torino, chi sì e chi no)

Potevamo dissolverci. Non sarebbe stata la prima volta. Non è successo. Potevamo andare all’arrembaggio. Abbiamo preferito ragionare. E giocare. Potevamo perdere. Era un film già visto. Abbiamo cambiato sala. Per la prima volta dopo tanti anni la sensazione di solidità, tattica, atletica, tecnica, che viene fuori dalla squadra non è solo rinfrancante ma una certezza. … Leggi tutto Più tenaci della Xylella, più enigmatici della congettura di Poincaré (Inter-Torino, chi sì e chi no)

Il Grande Torino e un gran bel Torino

Settore ospiti Per motivi anagrafici non ho mai visto giocare il Grande Torino, ed è uno dei miei più grandi rimpianti calcistici. Quella leggenda l'ho sentita da mio padre, e l'ho ascoltata con il disincanto di chi sospende l'incredulità per accettare l'assioma non replicabile che quella squadra era la più forte del mondo. Semplice, inattaccabile, … Leggi tutto Il Grande Torino e un gran bel Torino