Editoriale

“O fero o piuma?”. Inter-Pescara (pensando alla Juve)

Inter - Pescara.jpg

Ribelli come il ciuffo di Trump, tenaci come un mitilo bivalve. Ne abbiamo inanellate sette di fila, roba da far invidia al migliore John Holmes. E siamo lì, in quella parte di classifica dove non costa nulla sognare ma è ancora presto per progettare.
Siamo alla ricerca di sapere che cosa potremmo diventare, un po’ come Bersani è alla ricerca di un giovane Prodi. Anche se, pensandoci bene, noi siamo messi molto, molto meglio.
Domenica sapremo la portata delle nostre ambizioni. Sarà la madre di tutte le partite. Per dirla alla Mario Brega, sapremo se saremo “fero o piuma”.

Intanto salutiamo Ranocchia. Lui va (all’Hull), il suo contratto resta. È giusto. Noi non siamo per gli addii improvvisi e laceranti.

Nel frattempo sabato abbiamo giocato con il Pescara.

Handa
Potrei raccontarvi di quante volte l’ho maledetto per aver fornito l’assist a Verre. Ma non lo farò. Quello che faccio è lanciare un appello perché la Nike cambi il colore faggio giovane della sua maglia. È triste come una lunga sequenza di Kiarostami.

Nagatomo
Fresco come una sogliola del Pacifico, reattivo come un peto di mezzanotte, lo si apprezza soprattutto per la sua voglia di maritarsi con una giovane attrice giapponese. Alle nozze, si spera, seguirà anche una lunga luna di miele. Tre o quattro anni potrebbero bastare.

Miranda
Ha una faccia da maggiordomo. Se il campanello suona c’è sempre. L’attacco del Pescara è poca cosa per uno della sua esperienza. Potrà sbizzarrirsi con Higuain e Dybala.

Medel
È veloce, ha i tempi giusti, è solido come una volta a crociera, ha un grande anticipo. Se a centrocampo avevo qualche imbarazzo nel vederlo razzolare, in difesa è tutta altra roba. Pioli ha avuto il merito di rimettergli addosso un ruolo che gli calza a pennello.

D’Ambrosio
Sarà il freddo stagionale, ma ha un atteggiamento sempre più sbarazzino. È come se si fosse scrollato di dosso molte delle sue paure. Cavalca la fascia come una giumenta, sa che non sarà mai un Mustang o un Frisone ed è per questo che mi sta ogni giorno più simpatico (il che non vuol dire che qualche volta lo strozzerei). Alex Sandro trema!

pescara inter 2.jpg

Jm
Chi lo critica non capisce nulla di pallone. Punto. Lui è il calcio.

Gagliardini
S’i fosse fuoco, arderei ‘l mondo; s’i fosse vento, lo tempestarei; s’i fosse acqua, i’ l’annegherei; s’i fosse Dio, mi rincarnerei: in Gagliardini. Tutto quello che da calciatore non sono mai stato e avrei sempre voluto essere.

Brozo
È come l’amico che arriva sempre tardi agli appuntamenti. Se lo sai non ti incazzi e gli vuoi bene lo stesso.

Candreva
Nella teoria musicale, la sincope è un effetto che interrompe o disturba il flusso regolare ritmico o armonico di un passaggio di una composizione. Può generare confusione ma può anche creare un grandioso ritmo jazz. Ecco, Candreva è così.

Perisic
Rincorre le palle come un Saluki il coniglio meccanico nelle gare fra cani. Forse è anche più veloce, sicuramente più tecnico.

Icardi
Se lo è tenuto per la Juve, non spaccate i maroni.

Eder
Se il suo destino è entrare e segnare chi sono io per dirgli di smettere?

Gabigol
Immenso. Come sempre. Con il Pescara il suo talento si è visto poco. Lui, solitamente, lo riserva per le grandi partite.

 

Standard

One thought on ““O fero o piuma?”. Inter-Pescara (pensando alla Juve)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...