Samp-Inter, le pagelle

Cinque sconfitte in undici partite di campionato. In nove delle quali abbiamo provato l’ebbrezza di andare per primi in svantaggio per poi vedere l‘effetto che fa. Solo con Torino e Empoli abbiamo segnato prima noi. Non so che segno sia. Forse mancanza di maturità, di concentrazione o forse solo di debolezza. Contro la Samp avevamo lo... Continue Reading →

Il Signor Bonaventura (storia del grande assente Bolingbroke e del suo ricchissimo ingaggio)

1.964.986,66, ai quali vanno aggiunti bonus e accessori. Proviamo a scriverlo in lettere: un milione novecentosesantaquattromila e novecentottantasei euro più qualche decimale. A tanto ammonta la retribuzione lorda annuale dell'amministratore delegato dell'Inter. Fissa e annuale. Come si compone? Euro 1.413.524,68 per il periodo dal 1 luglio 2016 al 30 giugno 2017 euro 55.461,98 per il periodo dal... Continue Reading →

Senza Medel la squadra campa, con Medel la squadra crepa (riflessioni e numeri per sfatare una leggenda metropolitana)

di Giuliano Sacchi “Maurice Green è sopravvalutato” “Come può essere sopravvalutato il velocista più veloce di tutti?” ho chiesto, senza ricevere una risposta soddisfacente. (Nick Hornby, Come diventare buoni) E' difficile avere un'opinione guardando un quadrato nero disegnato su un foglio bianco. E' un'opera d'arte del fondatore del Suprematismo o è un disegno di un... Continue Reading →

Si sta come d’autunno sugli alberi De Boer

Da ore, anzi, da giorni sto digitando compulsivamente De Boer su Google per informarmi sull'esonero. Se l'Inter esonera l'allenatore io lo devo sapere subito. E allora tic tic tic, a nastro. Lo faccio sul pc fisso, sul tablet e sul telefonino. Lo faccio a tavola, in ufficio, a letto, mentre passeggio, mentre mi riposo e... Continue Reading →

Esonerato, anzi no, anzi sì, anzi no, anzi forse (la nostra analisi tattica di Inter – Torino. Ah, non si fosse capito #NoiStiamoCondeBoer)

di Michele Tossani L’Inter batte il Torino, torna al successo e sembra così rinsaldare la posizione di Frank De Boer sulla panchina nerazzurra. Sembra perché, a leggere i titoloni di certi giornali o a sentire la voce di taluni pundits (esperti) sulle varie Tv, il buon Frankie avrebbe comunque le ore contate, con un cambio... Continue Reading →

A forza di ripetere che il capo è un pirla (Luis Enrique, Frank de Boer e la nostra grande voglia di mostrare il lato peggiore)

di Tommaso de Mojana Facciamo un breve riassunto della storia, così capiamo meglio: gruppo straniero acquista prestigiosa società calcistica italiana reduce da una stagione deludente, dove è arrivata solo l’Europa League. Chi ti piazza il gruppo straniero se non un giovane allenatore completamente inesperto, uno di quelli che finora ha allenato in campionati che da noi... Continue Reading →